(4 / 5)

Titolo opera: Voglio anch’io
Età consigliata: dai 7 anni
Autore/Illustratore: Gek Tessaro
Editore:  Terre di mezzo
Pagine:  56
Prezzo: 12€-15€

 

RISATE ASSICURATE FIN DALLE PRIME RIGHE

“Voglio anch’io” di Gek Tessaro mi ha fatta morire dal ridere. Non che la cosa sia insolita, l’umorismo è uno dei motivi principali che mi fanno amare i libri per bambini, ma di solitamente la risata richiede tempo. Molti libri funzionano come delle battute, prima sì stabilisce un contesto, poi se ne infrangono o piegano le regole ed è questo a creare l’ilarità. In “Voglio anch’io” questo non succede perché  semplicemente perché non è necessario. Quello di questo libro è un umorismo diverso, che devo ammettere è molto nelle mie corde. Partiamo dall’incipit:

Quando uscì dall’uovo il pulcino aveva un atteggiamento così impettito è virile che sua madre non trovò di meglio che chiamarlo Pompeo Tiburzio.

A pochi giorni di vita, ammaliato dalla vista di uno stormo di cicogne in volo le chiese: “Che cos’è?”.

“Sono cicogne”, rispose lei.

“Bello, voglio anch’io!” disse la cornacchietta.

Ora, abbiamo una piccola cornacchietta gracile e appena nata che si chiama Pompeo Tiburzio il che già di suo è  abbastanza comico.  Il sogno del piccolo volatile è diventare una maestosa cicogna. Ovviamente la madre e il padre tentano di dissuaderlo, ma a poco varranno i loro sforzi.

Il viaggio di Pompeo Tiburzio lo porterà a conoscere un cavaliere, un ippopotamo, un leone e svariati altri animali insieme ai quali cercherà di raggiungere la terra promessa: il Veneto. Solo consegnando un nascituro ai propri genitori, a Venezia, Pompeo Tiburzio potrà finalmente diventare una cicogna a tutti gli effetti. Ancora non vi ho convinto? E…se vi dicessi che nel libro c’è anche un drago, seppur vecchiotto? E oltre al drago c’è anche il Parco d’Abruzzo? Ovviamente non posso dimenticarmi dei  i pirati. Ci sono anche loro.

UN INSOLITO MIX

Da come ho descritto “Voglio anch’io” potreste immaginarvi l’autore che infila nella storia di tutto e di più… in un certo senso è proprio quello che è successo.

A volte sembra che il susseguirsi delle azioni non abbia alcun senso, miracolosamente però, la storia regge e regala momenti di vera soddisfazione. l’abbiamo letta in tre, io  e le colleghe, e mentre una leggeva le altre due si sbellicavano dalle risate. La storia sembra composta da spezzoni di molte storie diverse che qualcuno ha preso e cucito assieme. Nonostante questo l’insieme è armonico e pieno di umorismo.

L’unico motivo per cui ho dato al libro 4 stelle è che essendo abbastanza lungo e ricco di “colpi di scena” difficilmente si adatterà ad una lettura pubblica in presenza di molti bambini. (Il che per me che sono lettrice può essere un problema).

Nonostante ciò sono molto felice del mio acquisto che leggerò volentieri a mia sorella non appena raggiungerà l’età adatta.

Si tratta di un libro che consiglio e che piacerà sicuramente a quei bambini che, di indole avventurosa, riescono a immaginare cavalieri, pirati, cicogne  e cornacchie che tutti assieme vivono una grande avventura per raggiungere la città delle gondole.