(3 / 5)
Titolo opera: Buongiorno pompiere!
Età consigliata:  dai 3 anni
Autore/Illustratore:  Michaël Escoffier, Matthieu Maudet
Editore:  Babalibri
Anno di pubblicazione:  2016
Cartonato, 30 pag.
Prezzo :9,00-11,00€
Pro: chiaro, ben illustrato
Contro: –

LA FORMULA DI BUONGIORNO POMPIERE!

Ci sono libri per cui non ha senso parlare di una vera e propria trama e uno di questi libri è proprio “Buongiorno Pompiere”, che ho avuto il piacere di portare con me in un asilo nido. I bambini, com’era prevedibile, l’hanno adorato, come del resto mi aspettavo dato che ormai considero Escoffier una garanzia.

L’ho conosciuto con Buongiorno postino! che è un vero e proprio must have. Finora non ho ancora incontrato un genitore che alla vista del piccolo cartonato non abbia fatto un piccolo gesto d’assenso o non abbia detto al proprio bambino “Quello ce l’abbiamo a casa” mentre il piccolo umano indicava il famigliare oggetto.

Dopo Buongiorno postino! sono venuta a conoscenza anche dell’esistenza di Buongiorno dottore! e in seguito di Buongiorno pompiere!. Nel momento in cui ho saputo della sua esistenza ho dovuto leggerlo. Pensavo fra l’altro che si trattasse di una “trilogia” e solo ultimamente, rovistando l’internet (e le biblioteche ) alla ricerca di titoli natalizi mi sono resa conto dell’esistenza di Buongiorno Babbo Natale! , che fra le altre cose è recentissimo (del 2017!). Che dire, Buongiorno _____! è  un vero e proprio brand: e come ogni brand è basato su una formula, il che lo rende in un certo senso prevedibile, ma questo no è affatto un male, in primis perché la ripetizione conforta il bambino, soprattutto quando è molto piccolo, in secondo luogo perché le storie, nonostante seguano tutte lo stesso “modello” risultano comunque divertenti e piacevoli.

LE MIE ASPETTATIVE

Cosa aspettarsi da Buongiorno Pompiere! ? Beh, che le cose vadano a fuoco e che il coraggioso pompiere intervenga con tanto di sirene spiegate (se imitate bene il suono del camion i bambini si divertiranno al massimo), e poi altre cose che vanno a fuoco e altre sirene fino al ritorno a casa dove il pompiere troverà… una bella sorpresa.

Le storie sono brevi, basilari, ma con delle piccole sorprese finali che riescono a strappare una risata al bambino, e talvolta anche all’adulto. ( Avete presente la trama di Buongiorno postino!? Lì un postino sbadato scambia i piccoli di vari animali al momento della consegna ai genitori, e questo è chiaro, quello che invece non avevo notato era il “dettaglio” delle “legittime madri” dei cuccioli che inseguono il postino per tutto il volume! ).

Ho apprezzato molto questa cosa perché sembra proprio che non sia stata messa lì per essere notata dal bambino di tre anni, ma per offrire al povero genitore o il povero lettore che recita il volumetto per la centesima volta, un piccolo sorriso quando noterà che lì, sotto i suoi occhi, e nonostante le molte letture c’era qualcosa che non aveva ancora notato.

LO CONSIGLIEREI?

Sì, come tutti gli altri della serie.

I bambini memorizzano ben presto l’ordine degli avvenimenti e anche in tenera età li seguono e sono perfino in grado di anticiparli rendendosi così partecipi della lettura, che a conti fatti è la cosa più importante.

Ho comunque scelto di dargli tre stelle e mezzo perché sebbene non possa mancare dove c’è un bambino, penso che ci siano altri libri, anche del medesimo autore, che anche mantenendo una certa freschezza, possano offrire di più dal punto di vista sia grafico che narrativo.